LA PSICOANALISI NELLA PRODUZIONE LETTERARIA AGLI INIZI DEL NOVECENTO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

LA PSICOANALISI NELLA PRODUZIONE LETTERARIA AGLI INIZI DEL NOVECENTO

Messaggio Da Polo Psicodinamiche il Sab Set 15, 2012 10:55 am

LA PSICOANALISI NELLA PRODUZIONE LETTERARIA AGLI INIZI DEL NOVECENTO
di Sandra Vannucchi

La psicoanalisi nei suoi fondamenti è opera di Sigmund Freud. Oggi la diffusione di pratiche psicoanalitiche si è enormemente diffusa in tutto il mondo occidentale: non solo ha informato di sé la psichiatria e varie branche della medicina per l’interesse ai disturbi psicosomatici, ma ha anche influenzato profondamente tutte le scienze dell’uomo, così come si sono sviluppate nel XX secolo. Il suo fondatore, Freud, ha paragonato la rivoluzione scientifica portata dalla psicoanalisi nella cultura occidentale alla rivoluzione copernicana: come quest’ultima ha spostato il centro di gravità dell’universo in cui viviamo dalla terra al sole, così la psicoanalisi ha spostato il centro di gravità della persona umana dalla coscienza all’inconscio. Un tale spostamento del centro di gravità della nostra psiche ha anche significato uno spostamento d’interesse delle nostre realizzazioni culturali ai fattori istintuali che stanno al di sotto di esse. In tal modo la psicoanalisi ha indirizzato la cultura occidentale a riprendere in esame le espressioni più elementari della natura che stanno al di sotto della cultura. Rendere cosciente l’inconscio è pertanto un’operazione rivolta a creare un miglior equilibrio tra natura e cultura. In particolare la dottrina di Freud consiste in un sistema concettuale al cui interno una serie di principi e prospettive assume significati nuovi, ad esempio quelli indicati con i termini di conflitto, repressione, inconscio.
Anche la produzione letteraria, politica, sociale e ideologica fu influenzata dalla psicologia di Freud e dei suoi discepoli. La psicoanalisi è stata definita dallo stesso Freud “un procedimento medico che si propone la cura di certe forme di nevrosi mediante una tecnica psicologica”. E’ infatti una terapia che fa uso dell’analisi di modalità pensiero primordiali riaffioranti nei sogni e nelle associazioni libere su cui si basa l’analisi interpretativa del medico, diretta a far acquisire coscienza della natura delle angosce di cui soffre il paziente. La psicoanalisi si è sviluppata tra gli ultimi decenni dell’ Ottocento e gli inizi del Novecento, anni di grandi trasformazioni che incisero profondamente sull’economia e sulla politica del tempo. Le grandi tensioni interne agli stati e tra stati diversi sfociarono nella Prima Guerra Mondiale, con la quale iniziò il nuovo secolo. Da allora l’intellettuale non è più educatore e guida come nella seconda metà dell’Ottocento. Nel Novecento la società perde ogni fiducia nel progresso. L’uomo si isola nella sua solitudine in una situazione angosciosa senza via d’uscita.



LEGGI TUTTO L'ARTICOLO IN PDF LA PSICOANALISI NELLA PRODUZIONE LETTERARIA AGLI INIZI DEL NOVECENTO
avatar
Polo Psicodinamiche
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 161
Data d'iscrizione : 16.08.11

http://polopsicodinamiche.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Condividi
Seguici su Twitter
Accedi

Recuperare la parola d'ordine

Marzo 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Calendario Calendario

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condividi l'indirizzo di FRONTIERA DI PAGINE sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines